Pensando

Pensando
Libera di Essere

domenica 15 luglio 2012

I Rom non sono come noi (?)

Lei ha mal di denti è andata in una struttura pubblica e il dentista invece di curarle un dente cariato ha deciso di estrarlo senza curarsi dell'ascesso e l'ha mandata via, gli altri denti sono ancora lì cariati e doloranti.
Per un caso fortuito ho saputo del suo bisogno di un dentista, l'ho chiamata ci siamo incontrate e l'ho accompagnata da un dentista che conosco da quando ero bambina e che ho ritrovato dopo 30 anni quando ero in partenza per l'Uganda scoprendo che anche lui stava andando lì ad insegnare gratuitamente il lavo a 16 ragazzi.
Lo chiamo e gli chiedo se può visitare la mia giovane amica e se lo fa gratuitamente. Le ha tolto delle piccole radici, le ha insegnato il modo corretto di curare la bocca, l'ha sgridata perchè i denti vanno lavati sempre e se non lo si fa questi si cariano e che diamine a 16 anni non si può avere una bocca conciata così male.
Lei si sente mortificata gli chiede scusa ma lui è burbero ma buono, e le regala spazzolino e molti dentifrici.
Lei per ringraziarlo le regala uno dei suoi disegni, lo scelgo io, è disegnato con fili d'erba, un volto di donna, lui si commuove quando sa che questo è il suo modo per aiutare la famiglia.

Andiamo a mangiare, parliamo un pò e scopro che lei e la sua famiglia, 10 persone in tutto, non vivono in una baracca come gli altri rom, lei è fortunata abita in una casa, casa??? La casa è composta da due stanze dove manca il pavimento, non ci sono le finestre, niente termosifoni per l'inverno e niente frigorifero per l'estate, niente bagno. Ma sono felici perchè avendo una casa non devono avere paura della polizia. Questa bellissima casa costa € 380 al mese.


Lei ha 16 anni, studia al liceo artistico e aiuta  al mantenimento della famiglia vendendo per le strade i suoi dipinti. Suo padre aiuta nei mercati a scaricare le verdure, quando lo chiamano e riesce a guadagnare in quel giorno €30. Suo fratello è un aiuto cuoco ma non riesce a trovare lavoro perchè non sa leggere.
Una famiglia povera ma unita, una famiglia che si aiuta ma che ha bisogno di aiuto. Mi spiega che il problema maggiore non è quello del cibo, ma quello di trovare i soldi per pagare l'affitto e la luce, una lampadina spartana ma che serve in inverno per accendere quelle belle stufette magia soldi. In inverno spendono anche € 1.000 per potersi scaldare. Questo è il loro grande problema, senza un lavoro fanno fatica a pagare e la padrona di casa vuole aumentare ancora l'affitto. Sono inorridita, come può una padrona di casa chiedere così tanti soldi per una casa priva di agibilità chi è questa carogna? Sorpresa la proprietaria è un africana e qui mi prende lo sconforyo la rabbia sale. Davvero non capisco, ma come diavolo fa una donna africana sfruttare una famiglia povera, dal suo vissuto non ha davvero preso niente, oppure già nel suo paese era un infame o lo ha imparato da noi che ci sono i poveri dei poveri, gli ultimi degli ultimi?

Come si fa a pretendere un affitto quando questa famiglia non ha diritti per il solo fatto che è rom?
Perchè continua ad esistere lo sfruttamento nello sfruttamento, davvero non lo capisco.
Scrivo il mio sconcerto su Twitter e una persona mi risponde con questa frase

" D'accordissimo, ma adesso la casa non ce l'abbiamo manco noi italiani! Lavoro neppure. Quindi?" La mia risposta è il dubbio che ad un italiano si affitti una casa così, lui dubita e insinua il dubbio in me, allora gli rispondo che se anche lui ha questo problema, cercherò di aiutarlo come vorrei fare per questa ragazza e la sua famigli. Non ricevo più nessuna risposta. Vorrei davvero insultare questa persona, chiedergli se non si vergogna di fare distinzioni fra italiani e rom, come se i rom non fossero persone con dei diritti . Come si permette a scrivere una frase che mi ricorda tanto quelle che ricevevano i meridionali quando venivano al nord in cerca di lavoro. Se non capisce che è grazie a persone come lui che esisteranno sempre poveri, razzismo, differenze e che diamine, cosa gli ha insegnato la vita, a stare nel proprio mondo piccolo ottuso e dal guai a toccarmi la mia erba il mio Ipad e sparisci dalla mia vista che sei solo un inutile insetto.
Che sia chiaro non sono sconcertata, sono arrabbiata, avvelenata, davvero non tollero tanta ignoranza menefreghismo cattiveria ottusità egoismo e stupidità umana.


Perdonatemi ma ho usato dei soldi che mi avete dato per andare in Uganda, li ho usati per dare una mano a questa piccola grande ragazzina che lotta nella società e nella scuola per far sapere che i Rom non sono bestie, che sanno studiare lavorare e che non rubano non indossano oro e argento, che credono in Dio e nella sua bontà. La mia missione è di aiutare chi ha bisogno e in quel momento questa ragazza aveva bisogno, non ho tolto ai bambini ugandesi, a loro arriverà il 99% del vostro aiuto, ma non potevo, non posso non aiutare chi soffre, sia che si trovi in Africa che in Italia

4 commenti:

  1. Brava! E grazie al suo aiuto a questa ragazza Rom.
    http://www.ringofgold.eu

    RispondiElimina
  2. Mannaia Storta16 luglio 2012 08:47

    Da più di un anno ormai sono vicina alla realtà rom. Purtroppo quello che ho visto è che la solidarietà manca anche fra poveri, i quali lottano per vivere anche gli uni contro gli altri. È fantastico che questa ragazza frequenti il liceo, considerata la condizione familiare e il fatto che è femmina. Da questo si capisce che è una famiglia in gamba, pur nella desolazione assoluta in cui vivono.
    Apro una parentesi sul discorso dei furti da parte dei rom: sì, alcuni rubano, soprattutto i ragazzi e i ragazzini. Parliamo di bambini che vedono i coetanei italiani con l'ovetto kinder mentre i loro genitori non hanno soldi nemmeno per comprare il pane. Non si può dire a queste persone di non rubare mentre muoiono di fame o di freddo, mentre hanno ascessi ai denti che non vengono curati nemmenno alla mutua. È ridicolo. Perché se non si ha una dignità da difendere, se la tua dignità di essere umano ti viene costantemente negata, anche tu finirai col fregartene.

    Quello che hai fatto per questa famiglia è una cosa bellissima, quello che fai per il mondo è bellissimo. E chi ti critica è gente desolante.
    Complimenti anche al dentista, così meravigliosamente umano.

    RispondiElimina
  3. Salve, sono vari anni che mi sono impegnato ad aiutare varie famiglie Rom, ora stò seguendo la vicenda del campo Roma di Tor de' Cenci che il comune di Roma vuole sgomberare per mandare le famiglie che vi abitano al campo di Ciampino in container più piccoli, più lontani dalle scuole che frequentano i bambini e mal collegato a Roma dove i più lavorano.

    RispondiElimina
  4. Sono veramente contenta che abbiate risposto a questo mio post. E' la prima volta che leggo delle risposte in quello che scrivo e vivo, questo mi fa pensare che gli italiani bravi ci sono e che si impegnano e comprendono come sia difficile per una ragazzina definita diversa abbia il coraggio e la forza di cambiare la storia dei rom.
    Ora, questa ragazzina ha bisogno di trovare un dentista perchè quello che ho trovato io, diciamo che dopo una primissima cura l'ha abbandonata mandandola in un centro a
    Milano che ho saputo essere uno dei peggiori con dentisti senza anima e di mestiere sono macellai, già il gratuito non è mai sinonimo qualità.
    Quindi se qualcuno conosce un dentista onesto è pregato di contattarmi

    RispondiElimina